Il compito della scuola

La scuola si pone come primo aiuto alla corresponsabilità educativa della famiglia. Per questo cura in modo particolare sia il momento del distacco per l’inserimento sia il rapporto con la famiglia come fonte di identità e ricerca di un cammino adeguato ad ogni bambino.


La Scuola dell’Infanzia deve rappresentare un momento piacevole e rassicurante di crescita e questo avviene solo se essa è capace di ben accogliere ciascun bambino, aiutandolo a trovare, nell’incontro con nuove persone e con un nuovo ambiente, un riferimento che lo rassicuri, ponendosi in continuità con la famiglia e offrendo l’apertura a nuove esperienze.

 

IL BAMBINO


Il bambino è una persona che pensa, che è capace di giudizio, che prova desideri, che ha attese.
Per questo ogni bambino è valorizzato per quello che realmente è, sollecitandone la curiosità, sì che l’incontro con la realtà diventi stupore e desiderio di conoscere.

Ogni aspetto della sua personalità viene così preso in considerazione perché ognuno cresca avendo stima di sé e delle sue possibilità.

 

L’INSEGNANTE


Il vero apporto che la Scuola dell’Infanzia deve dare è il "favorire un gioioso interessamento alla realtà" e pertanto l’insegnante deve essere persona ricca di senso della realtà stessa, desiderosa di comunicarla, rendendo affascinante il cammino del bambino e accompagnandolo nei passi quotidiani fatti di gioco, esplorazione, amicizia e conquiste.